Hide and Seek testo - manuela macco

Go to content

Main menu:

 
Hide and Seek
Cristina Marinelli, dicembre 2015
08.12.2015 / Hide and Seek, tpa video screening, Fusion Art Gallery, Turin (IT)

Nessun significato può essere trasmesso se non gli si dà una forma. (G. Kubler, La forma del tempo)

Qualsiasi opera d’arte provoca sensazioni e inquietudini in chi la osserva, indipendentemente dal medium adottato dall’artista. Questi, in ogni caso, carica di significato la forma espressiva prescelta, tanto in un dipinto quanto in un’azione. La performance art spesso esula dal sistema dell’arte, basato sulla produzione, esposizione e commercializzazione di “cose”, ma non prescinde dall’enunciazione visiva, e soprattutto esperienziale, di un messaggio, non necessariamente univoco.
La performance art, imprevedibile, interattiva, composita e interdisciplinare, per sua natura sfugge a ogni definizione.
Manuela Macco e Guido Salvini, curatori e ideatori del tpa, sono prima di tutto artisti. Entrambi in occasione di hide and seek presentano una video-performance che riflette sul senso dell’arte.
Guido Salvini con Temporary landscape indaga il ruolo dell’artista nella società contemporanea attraverso un’azione provocatoria. Un quadro, che a uno sguardo più attento si rivela un semplice objet trouvé, designato come protagonista della performance proprio per la banalità estetica del paesaggio raffigurato, è al centro dell'operazione. Questa, ponendo in evidenza il fattore spazio-temporale, analizza, mettendoli in discussione, i paradigmi del sistema dell’arte, sottolineandone la natura labile ed effimera.
Una riflessione sul processo creativo e sulle sue dinamiche, invece, viene compiuta da Manuela Macco con A rebours, realizzata nel 2013 durante la residenza in Svizzera al Centre Artistique Ferme Asile di Sion. Un’azione che prende le mosse dalla contrapposizione tra Pensiero e Natura, esplicitata attraverso un percorso impervio. L’artista, nascosta in una scatola che le occlude la vista, procede incerta e con un equilibrio precario lungo la riva del Rodano. Manuela Macco dà forma al processo creativo nell’incontro con il fiume, affiancandone il flusso delle acque ma muovendosi nella direzione opposta.

 
 
 
Back to content | Back to main menu